Posare le piastrelle in gres porcellanato

27/08/2020 |  News 

Le piastrelle in gres porcellanato Sichenia, grazie alle materie prime utilizzate e alle nuove tecnologie produttive, tendono a ricreare la casualità delle pietre naturali. Le variazioni cromatiche sono dunque una caratteristica di pregio che un abile posatore deve valorizzare.

La prima regola del posatore è controllare che il tono, il calibro e la scelta delle piastrelle sia la stessa per tutte le scatole. Nel caso ci sia anche il minimo dubbio di incongruità, consigliamo sempre di contattare il proprio rivenditore, onde evitare inconvenienti. 

Una volta verificato ciò, per ottenere un risultato esteticamente più piacevole consigliamo di aprire diverse scatole e mescolare le piastrelle al fine di ottenere un pavimento eterogeneo.

E’ fondamentale che la scelta delle piastrelle combaci con l’ambiente di destinazione, che possiamo dividere sulla base di tre macro-gruppi:

  • localizzazione (interno / esterno)
  • destinazioni d’uso residenziali (bagno, cucina, stanza da letto)
  • destinazioni d’uso commerciali (uffici, hotel, aeroporti)

Occorre poi fare una prima prova a secco per vedere se l’effetto è soddisfacente, studiando quindi uno schema di posa, dopodichè si può procedere con la posa definitiva. Nella scelta degli adesivi e dei materiali per definire la fuga è opportuno seguire i suggerimenti delle ditte produttrici, dato che il grès porcellanato ha un bassissimo livello di assorbimento dell’acqua è sconsigliato l’uso di collanti particolarmente forti.

Quando si posano i materiali, gli schemi utilizzabili sono pressoché infiniti, gli unici limiti sono la fantasia e la professionalità del posatore. Esistono alcune pose particolarmente in voga se si parla di gres porcellanato effetto legno:

  • Le geometrie che nascono da una posa a spina di pesce sono veri e propri elementi decorativi, sono ideali soprattutto quando si sceglie un pavimento ispirato al legno. Si tratta di una lavorazione precisa e di qualità, che conferisce maggior pregio agli ambienti. La sua particolarità è la posizione diagonale dei listelli, in grado di donare all’ambiente un aspetto più spazioso
  • La posa a correre, è adatta ad ogni tipo di ambiente ed è possibile scegliere uno o più formati da alternare.
  • Una valida alternativa è la posa a quadri, i listoni formano un quadrato che viene ripetuto fino a riempire la superficie.

 

 

Se vengono fatte le scelte più adeguate, qualsiasi spazio esterno può diventare l’estensione di quello interno, inoltre sono disponibili diverse modalità con le quali sistemare le piastrelle.

Quella che permette maggiore creatività è la posa a secco dato che è facilmente riposizionabile, grazie allo spessore di 20mm e al peso del materiale è possibile evitare l’utilizzo di adesivi.

La posa a secco su ghiaia consente una facile applicazione sia su terreno che su solai piani di copertura. La posa a secco su erba consente la realizzazione di camminamenti ed aree in grado di integrarsi sia col verde circostante che con diversi contesti architettonici.

Le destinazioni d’uso sono i giardini, i vialetti, ed i camminamenti residenziali ma anche quelli di parchi e spazi ricreativi pubblici.